Box "Uscite 2021" - Partigiani Contro + La Storia contro il razzismo + IN OMAGGIO Joyce Lussu: una donna e la libertà

  leggi le recensioni (1)

30,00
Quantità:
Prodotto aggiunto al carrello. Vai al carrello
È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto Vai al carrello

SKU boxuscite2021
Spese di spedizione: gratis
Consegna prevista entro Giovedì 02/12

Il box "Uscite 2021" contiene i tre libri che abbiamo pubblicato nel corso di questo ultimo anno: Partigiani Contro, dedicato al ruolo della memoria riguardo il periodo della Resistenza; La Storia contro il razzismo, dove esaminiamo il ruolo e il funzionamentro del discorso d'odio e del razzismo nella società; in omaggio, poi, trovate Joyce Lussu: una donna e la libertà, scritto da Giorgia Gabbolini e dedicato alla figura di Joyce Lussu, una donna che ha attraversato come un fiume in piena la storia del ventesimo secolo.

---
Partigiani Contro

Il biennio 1943-1945 rappresenta un passaggio determinante nella storia di questo Paese.  Di fronte all’occupazione tedesca e allo sfaldamento delle strutture statali, uomini e donne, con diversi orientamenti, desideri e motivazioni scelgono di aderire alla Resistenza e combattere un conflitto dalle molteplici facce. Una guerra civile contro gli italiani che rimangono fedeli al fascismo, una guerra di classe contro le componenti più reazionarie della società, una guerra contro gli occupanti tedeschi per la liberazione della nazione.  

Prendono il nome di partigiani e si organizzano in bande, entità con caratteristiche specifiche, all’interno delle quali si sviluppano una serie di sperimentazioni profondamente innovative dal punto di vista organizzativo, politico, militare. Un’esperienza di breve durata ma di grande intensità, capace di coinvolgere, direttamente o indirettamente, centinaia di migliaia di persone, le cui azioni investono in maniera determinante la realtà che li circonda. Questo libro nasce nasce per sviluppare su questi fatti una chiave di lettura divergente rispetto a quelle tradizionali. Nella prima parte del testo vengono approfondite le memorie sulla Resistenza, le loro origini, le loro finalità, il successo e l’oblio a cui sono andate incontro, per poi presentare i cardini su cui costruire una nuova narrazione della storia partigiana. Nella seconda sono raccontate cinquanta storie di combattenti delle Resistenze che hanno scelto di donare la propria vita per sconfiggere il nazifascismo e realizzare un mondo nuovo. L'unico modo per combattere questa propaganda e restituire alla lotta partigiana il ruolo che le spetta è tornare a raccontare la Resistenza per quello che è stata realmente; un'esperienza radicale in profonda discontinuità con il resto della storia nazionale.

---
La Storia contro il razzismo

Da alcuni decenni il tema dei discorsi d’odio è entrato prepotentemente all’interno del dibattito pubblico. Un fenomeno preoccupante e pericoloso che a lungo è stato affrontato soltanto sul piano giuridico con risultati piuttosto deludenti. Non basta infatti condannare legalmente l’hate speech per fermarlo, e soprattutto non si può affrontare un certo tipo di linguaggio solo nel momento in cui esprima in modo esplicito tesi discriminatorie o propositi violenti.  Servono interventi culturali e sanzioni sociali che colpiscano tutti quei discorsi che riproponendo pregiudizi, luoghi comuni, false informazioni diffondono, più o meno direttamente, la cultura dell’odio verso minoranze e gruppi oggetto di oppressione. 

Per fare ciò risulta indispensabile il ruolo della storia, disciplina capace di analizzare criticamente i discorsi d’odio, mostrare i loro aspetti ricorrenti, svelarne gli aspetti mistificatori e soprattutto dimostrare come la diffusione di stereotipi e preconcetti che potrebbero sembrare banali o inoffensivi possano risultare gravidi di conseguenze. Inquesto testo, dopo aver analizzato l’origine del pregiudizio “etnico-razziale” e la sua trasformazione in vera e propria ideologia razzista, approfondiamo alcuni casi specifici di hate speech. Casi che differiscono per epoca, supporto comunicativo, collocazione geografica, autori e contesti, ma che presentano dei cliché ricorrenti che, confutati sul piano dei fatti storici, ci permettono di comprendere come il discorso razzista, ancora oggi, si nutra dei medesimi leitmotiv.
---
Joyce Lussu: una donna e la libertà
​​​​​​​
Antifascista, esule, falsaria, partigiana, scrittrice, poetessa, traduttrice, viaggiatrice, femminista, terzomondista. Joyce Lussu è stata tutto questo e molto di più. La sua incredibile, emozionante, straordinaria esistenza, così come la sua variegata ed eccezionale produzione letteraria, meritano di essere raccontate e conosciute. I suoi ideali e le sue lotte devono essere ricordati, affinché continuino ad oltrepassare confini e vivano ancora nelle nuove generazioni.

La protagonista di questo libro sembra essere il personaggio di un romanzo d’avventura tante sono le peripezie vissute, i luoghi conosciuti, le persone incontrate nei suoi ottantasei anni di vita. Leggendo le sue molteplici esistenze si stenta infatti a credere che un individuo solo, nel caso specifico una donna nel contesto del secolo breve, possa essere stata al centro di una lunghissima serie di vicende incredibili, possa aver attraversato molti degli eventi più importanti del Novecento e possa aver toccato fisicamente luoghi tanto lontani tra loro. Eppure Joyce Lussu ha fatto tutto questo e molto di più, perché allo stesso tempo è diventata autrice prolifica e capace di spaziare tra numerosi generi letterari nonché di dedicarsi, in maniera del tutto innovativa, al lavoro di traduttrice, contribuendo a far conoscere in Italia scrittori di immensa levatura. 
Joyce Lussu - Una donna e la libertà è il secondo libro scritto da una esterna al nostro collettivo che pubblichiamo. Come per il primo, Fammi volare Capitano, l'autrice conserverà ogni diritto sull'opera e avrà la possibilità di utilizzarla come meglio crede.